ALBUM STELLA MARIS DI CARLO MURATORI
 
 

STELLA MARIS

Disponibile su Google Play Music

Plica polonica

Presentazione »

STELLA MARIS leggi testo

SANT’ANTONIO leggi testo

CICCIO leggi testo

MALJA leggi testo

MARINA DI MELILLI leggi testo

LI CANI, I PICURARI, I PICURI, LI MACHINI leggi testo

VURRIA SAPIRI leggi testo

ACQUA E FOCU leggi testo

JORNO D'AMURI leggi testo

CROZZA "modo minore" leggi testo

NICA... SAI... DUMANI leggi testo

COMU LI STIDDI leggi testo

Comu li stiddi stannu 'n celu,
e li varchi stannu a mari,
accussì, senza di tia,
ju nun pozzu stari,
ju nun pozzu stari.

Versi e musica di Carlo MURATORI

Nica sai dumani tornu,Nica sai dumani…
Vestiti di jancu ca mi piaci ssu culuri.
E ppi strata 'n ciuri, ti vogghiu pigghiari 'n ciuri.
E quannu t'ancontru ti lu voiu arrialari.
E quannu mi partu ppi vasariti nun m'allatari.

Nica si sulu 'n sonnu
Iu dumani no,nun tornu.
Nica ancora un annu
La luntananza sta finennu.
La notti sta passannu
Lu viri Nica sta 'gghiurnannu.

Nica vasimi li figghi,Nica li me figghi
L'ancili li santi e lu Signuri li pozza aiutari.
'Nsemi a tia chi sempri ju disiu,Nica amuri miu.
Nica si sulu 'n sonnu…

Versi e musica di Carlo MURATORI

Le cerimonie religiose che ancora oggi si praticano in tanti porti del Mediterraneo sono incantesimi,perennemente reiterati contro il capriccio delle bufere e delle tempeste.Gli ex voto di marinai scampati al pericolo parlano di quella paura annidata nel cuore degli uomini, che mai si abbandonano a cuor leggero alla perfidia delle onde. E' alla Vergine Maria, "Stella Maris", Stella del Mare, che i marinai dell'occidente raccomandano i loro carichi, e soprattutto i loro corpi e le loro anime.

Fernand Braudel




Per il mio nuovo viaggio lungo le rotte della memoria,non cerco porti idonei alla partenza o ai ritorni; non cerco nave od equipaggio. La terra, la mia,farà da porto e da riparo; e magicamente sarà nave ed equipaggio.Insieme veleggeremo, fatalisticamente sospinti da ataviche maledizioni, da fallaci certezze, da vecchie e nuove paure,alla ricerca di serene spiagge, di gioiosi lidi.Alla Stella del Mare raccomando questo singolare veliero, insieme ai corpi ed alle anime del nostro equipaggio.A mia madre rivolgo pensiero e gratitudine e a lei dedico gli esiti incerti e le possibili conquiste del viaggio; a mia moglie, come ad ogni partenza, la promessa del primo abbraccio del ritorno.

Il comandante

Supra di l'acqua scivuli,
t'ammischi ccu li nuvuli,
t'ammischi ccu li lacrimi,
e abballi duci duci.

Li ciuri a vespri11 abbriviri,
finestri mezzi chiusi,
bedda si tutta 'n ciauru,
di balucu e di rosi.

Unn'eri, unn'è ca si??
Mostrami la via.
Mi basta 'n mezzu sì
Ppi curriri.
Un gesto, una minima intenzione,
Credimi va bene, credimi va bene.

Lentu lu ciumi scurri,
va drittu e nun talia,
è vecchiu e 'n sapi cogghiri
tutta la tò malja.

Ti toccu e mi scumpari,
si sulu fantasia,
si casa, specchiu, isula,
dintra e fora di mia.

Unn'eri, unn'è ca si??

Versi e musica di Carlo MURATORI

Vurria sapiri ccu fici lu munnu
e ccu lu fici lu seppi ben fari.

Fici lu mari chi 'n si trova 'u funnu
e la varca fici ppi lu navicari.

Fici lu suli ccu lu circu tunnu
e la luna fici ccu lu fari e sfari.

Iu si firriu tri voti lu munnu
a na bedda comu a tia 'n si pò chiù asciari.

Versi tradizionali di anonimo
Musica di Carlo MURATORI

Li pecuri ppi strata fermunu
li machini ca sbuffanu e poi frenanu,
sbuffanu e poi frenanu
a un lentu caminari.
Sbuffanu e poi frenanu
a un lentu passiari.

E tutti quanti poi s'ammiscunu,
li cani, i picurari, i pecuri, li machini,
li pecuri, li machini,
ppi 'n pezzu di stratuni.
E ansemi iddi caminanu
ppi 'n pezzu di stratuni.

Un pezzo di strada vuoi fare con me
solo per poco.
Rallenta la corsa, non chiedere
solo per poco.

Cartoni di stracci e di vecchie bambole,
portavo ogni mese ai miei amici zingari.
Gli sguardi e le facce che mi accoglievano
baracche e miseria ripulivano.

A lungo ho cercato sorrisi simili
negli occhi degli uomini come me.
C'è sempre un'ombra che ci perseguita,
un'ombra di lacrima e di dolore.

Dimmi se sai dove sta la musica
quella che ha un'anima come me.
E' su una stella o su un nido d'albero,
viaggia veloce o è ferma già.
Viaggia veloce o è ferma già.

Un pezzo di strada vuoi fare con me
solo per poco.
Rallenta la corsa, non chiedere
solo per poco.

Testo e Musica di Carlo MURATORI

Unni sunu l'omini
e li fimmini 'i "Marina"?

Ccu u sa' se poi ci pensanu
a ddi strati, a dda matina?

Li fabbrichi ca fumanu,
focu e poi sireni.

Li camia e li partenzi,
valigi di cartuni.

Li casi russi ccu li vucchi storti,
lu suli li rimodda e poi li futti.

Li casi gialli ccu li 'ntinni 'n testa,
si sentunu azzizzati ancora a festa.

Chi resta?? Chi resta??

Unni sunu dd'omini,
li pulitici 'i "Marina"?

Hannu sempri ddi gran machini,
e la panza sempri china?!

Li borsi ca ci fetunu,
di merda e di dinari?!

Duminica a la missa!
E poi cci piaci u mari!

Li casi russi ccu li vucchi storti,
lu suli li rimodda e poi li futti.

Li casi gialli ccu li 'ntinni 'n testa,
si sentunu azzizzati ancora a festa.

Chi resta?? Chi resta??

Testo e Musica di Carlo MURATORI

Sunu millanni ca sta musica nun cancia no,
semu stracotti di frischitta e di tammura.
Ciccio,
semu luntani,troppu luntani,
semu africani di n' autra tribù.
Ciccio,
nun c' è dumani,semu luntani,
baciu li mani,pensici tu.

E si lu suli è già spuntatu di lu mari,
l' aceddi affriddateddi aspettanu cca fora,
Li picciutteddi ccu li facci 'nte giurnali
l' occhi stutati10,persi e vui durmiti ancora.
Li viri o no sti figghi i tuttu l'annu,
L' amuri chi mi dasti ti lu tornu.
La crozza chiama sutta a nu cannuni
Iu sugnu surdu e nun ci voiu spiari.
Ciccio, ( ecc. ecc. )

Sunu millanni ca sta musica nun cancia no,
semu stracotti di frischitta e di tammura.
Ccu campa paia ppi iddu e tutti li parenti sò,
lu bottu è forti e sulu vui durmiti ancora.
Li senti o no sti figghi i tuttu l' annu,
L' amuri chi ci dasti è sulu 'n sonnu.
Dda crozza 'nsigna sutta a ddu cannuni,
Ca fu curiusa e si fici sparari.

Ciccio, ( ecc. ecc. )

Testo e Musica di Carlo MURATORI

Dalla terra del primo ulivo,
dalla prima maledizione,
navighiamo come corsari,
su di un mare strada e barriera,
su di un mare frontiera.

Inseguiti dai saraceni,
combattuti dal destino,
incalzati dai tramonti:

Tu m'ha dari li to' beni
Ju ti lassu lu me mali.
Tu m'ha dari li to' beni
Ju ti lassu lu me mali.

Stella maris m'havi a salvari
de' timpesti di 'stu mari;
Stella maris m'havi aiutari:
che si possa ritornare!
Alle sponde dove una donna
adesso è stanca di aspettare,
su quest'acqua color del vino,
quello che sporca il bicchiere,
quello che sporca il bicchiere.

E' una nave di pietra bianca
questa terra che solca il mare
dalla Siria all'Andalusia,
sulle rotte dei Fenici,
in lenta agonia.
Nave cieca senza nocchiero,
inebriata dai limoni,
sbilanciata dai Ciclopi:

Tu m'ha dari li to' beni
Ju ti lassu lu me mali.
Tu m'ha dari li to' beni
Ju ti lassu lu me mali.

Stella maris m'havi a salvari
(ecc.ecc)

Versi e Musica di Carlo MURATORI

E lauramu tutti l'uri sant'Antoniu prutitturi
ppi truvari la jaddina janca, russa, cinnirina.
Lu vintazzu rutulia la majara ha ciù valia;
quannu trasi la vicina la majara s'arrimina.

S'arrimina la majara ccu la scupa e ccu la fava.
Sant'Antoniu sant'Antoniu ca vinciti lu dimoniu.
Ccu la vostra putistati li vurazza cci liati
ccu la vostra litania cci tagghiati la valia.

Quannu mina lu livanti la majara si fa avanti;
vola all'aria li so trizzi su scursuna spirdatizzi.
Vola vola ccu lu ventu a la nuci do Bommientu
fa l'infernu subbissari li cristiani fa trimari.

Sant'Antoniu sant'Antoniu ca vinciti lu dimoniu,
ccu la vostra putistati li vurazza cci liati.
Ccu la vostra litania cci tagghiati la valia
ccu la vostra litania cci tagghiati la valia.

Versi tradizionali di anonimo
Musica di Carlo MURATORI

La prima ura di 'n jornu d'amuri
'nta la vanedda ti visti spuntari.
Sula sulidda vistuta di suli,
ccu l'occhi vasci e affruntati
ccu l'occhi vasci e affruntati.

Campani a festa, sunati sunati
ancili 'n celu cantati cantati.

Secunna ura di 'n jornu d'amuri
taliannu l'occhi ti visti lu cori.
E suspirannu gintili paroli
a li tò labbra scantati
a li tò labbra scantati.

Trummi e viulina sunati sunati
canzuni allegri cantati cantati.
La terza ura di 'n jornu d'amuri
la mè carizza t'asciuga u suduri.
La quarta ura si tutta ppi mia,
ciatu ccu ciatu abbrazzati
ciatu ccu ciatu abbrazzati.

E 'nti na vita quattr'uri ssu nenti
ma ppi l'amuri diventunu tanti.

Testo e Musica di Carlo MURATORI

E nun li fermi, e nun li poi firmari,
sunnu tanti, sunnu forti,
sunnu brutti e senza santi.
Su' comu li muschi 'ntra lu meli,
chiù nni cacci e chiù nni trovi,
e chiù nni trovi.

Nun li fermi e nun li fermi no,
teni a ccura 'n cci pruvari
sunnu peggiu d'un tratturi
nun ti cci accustari
nun ti cci accustari.

Acqua e focu dacci locu
e 'n ti nni pentiri.

Inchi comu china ca arrizola di lu munti,
e si tira li vadduna,
inchi e spraja ntra lu chianu:
terra e fancu unni ti giri
terra e fancu a tutti pari,
a tutti pari.
Comu l'erba tinta ca nun mori, ca nun sicca,
li jatti sarvaggi
ca 'n canusciunu patruni,
sunnu senza li catini
'n testa e ntra li vini
e ntra li vini.

Acqua e focu dacci locu
e 'n ti nni pentiri.

E nun li senti e nun li po' stutari,
sunnu li faiddi ca ti dunanu caluri.
Ma chi strani, sunnu foddi,
ma t'aiutanu a campari, a campari.

Acqua e focu dacci locu
e 'n ti nni pentiri.

Testi e Musica di Carlo MURATORI

Vitti 'na crozza sutta a 'nu cannuni.
Fui curiusu e cci vosi spiari.
Idda m' arrispunniu ccu gran duluri:
"Murivi senza 'n toccu di campani.

Si nni jeru, si nni jeru li me anni,
si nni jeru, si nni jeru nun sacciu unni.
Ora ca su' arrivatu a uttant' anni
chiamu la vita e morti m' arrispunni.

Cunzatimi ccu ciuri lu me lettu,
ca di li vermi su' manciatu tuttu.
Si putissi turnari a campari
chiù nun vurria muriri chi pp' amuri."

Versi tradizionali di anonimo
Musica di Carlo MURATORI



Torna alla discografia

PROSSIMI EVENTI

Nessun concerto inserito

Consulta tutte le date