ALBUM SALE DI CARLO MURATORI
 
 

Sale

Disponibile su Google Play Music Disponibile su Spotify Disponibile su Spotify

Sale

Presentazione »

GLORIA A MIA leggi testo

IL MARE SOPRA I TETTI leggi testo

D’AMOR E DI PAZIENZA leggi testo

JANCU E FINIÓSA leggi testo

RAGGI D’ARGENTO leggi testo

POVIRA PATRIA leggi testo

OMBRA ADORATA leggi testo

MUTU leggi testo

SCURRI LU TEMPU leggi testo

E SUGNU ‘TALIANU leggi testo

SOLO POCHE PAROLE leggi testo

CHI DICI NICÒ leggi testo

VINNI CU VINNI (e c’è lu triculuri) leggi testo

L’ ESODO leggi testo

Le storie le abbiamo incontrate per le irte trazzere che portano dalla piazza del paese alle coste di carrubi e nero d’avola, spettinati dal vento di scirocco. Le abbiamo prese a morsi per quel senso di fame che mai ci abbandona, di pane nero, olive, mostarda e autenticità; e ce le siamo poi ascoltate e riascoltate, per riscriverle per il nostro tempo, per la gente di ora; le abbiamo nutrite, ingigantite a dismisura, per poi ridurle ai minimi termini, graffiandole con le unghia, scorticandole vive, alleggerendole dei pesi superflui, spogliandole dalle vesti improprie, macinandole dentro il mortaio atavico della vita e del tempo. Sia che fosse mare o lacrima, amore, gelosia e silenzio, orgoglio e rabbia per l’eterna violenta lotta per chi da sempre vuole dominare il Sud e la sua gente, spacciandolo per rispetto, interesse e tutela. Sui fogli bianchi, allora, è cominciato a precipitare un grato senso di salitudine che a stento si vede cosparso com’è tra le parole.
Da tempo immemore così recita un adagio siciliano Cu havi chiù sali conza ‘a minestra ossia chi ha più sale prepari, insaporisca, apparecchi, metta insieme una minestra.... Quel sale che è inteso come sapienza, ma anche come pazienza e scienza del vivere, descrive in maniera mirabile la cultura, la civiltà, la sapidità del popolo siciliano. Questa strana generosità di un Sud povero che aiuta ed accoglie i poveri e i disperati di altri Sud del mondo. Proprio quel Sud che ha avuto più sale ma meno minestre, più saperi ma meno poteri, più speranze ma meno certezze.
Per comprendere il tutto bisogna concentrarsi sulle piccole cose: osservare due occhi e il sale delle loro lacrime per capire la sofferenza dell’intera razza umana, una stella per comprendere il cielo sconfinato, avere in mano un granello di sale per toccare il più lontano degli oceani.

Registrato da Stefano Melone
principalmente a La Padrona del Giardino Studio - Val D'Anapo - Siracusa,
da maggio 2014 a maggio 2015, e poi
a Pesaro, Milo (Ct), Melilli e Floridia (Sr).
Mixato da S. Melone a ProgettoPortatile Studio - Pesaro;
archi scritti da S. Melone (tranne Chi dici Nicò e Vinni cu Vinni scritti da C. Muratori)

Carlo MURATORI voce e chitarre
Marco Carnemolla basso elettrico e contrabbasso
Quartetto indigeno archi
Christian Bianca violino
Yulia Tsyrkun violino
Matteo Blundo viola
Stefania Cannata violoncello
Laura Vinciguerra arpa
Enzo Augello batteria
Francesco Bazzano percussioni
Davide Mazzoli percussioni
Giorgio Rizzo bodran
Peppe Di Mauro tamburello
Massimo Genovese mandolino, cavaquino, bouzouki
Carmelo Salemi fiati
Francesco Calì fisarmonica
Daniele Sepe sax
Franco Battiato voce
Mario Arcari fiati
Elisa Nocita voce
Peppe Voltarelli voce
Giulia Immè voce
Carmen Marino voce
Banda di Melilli diretta da Michele Netti
Alina Catrinoiu graphic designer
Luca Migliore e Gian Maria Mussara fotografia

Testi e musiche
Carlo MURATORI
Tranne POVIRA PATRIA testo e musica di Franco Battiato, libera traduzione in siciliano di C. Muratori
OMBRA ADORATA testo da un sonetto di Mariannina Coffa, musica di C. Muratori
VINNI CU VINNI, E SUGNU ‘TALIANU testo tradizionale di anonimo, musica di C. Muratori

Arrangiamenti
Stefano MELONE e Carlo MURATORI

Produzione artistica
Stefano MELONE

Che mi valse l’ingegno il core e l’arte
Se te perdendo ogni Ciel perdei?
Se il nume che fu vita ai sogni miei
Mi condanna tacendo e si diparte?

Oh se vedrai queste dolenti carte
Che d’un alito ignoto accendi e bei
Saprai ch’ove sospiri e piangi e sei
Ivi piange il mio core a parte a parte

Saprai ch’io t’amo ed è miracol novo
La vita mia… Perchè son morta e vivo
E là dove non sei me non ritrovo

Saprai ch’ombra adorata a me d’accanto
Ti riveggio pur sempre o sogno o scrivo
E più che il labro tuo parla il tuo pianto
E più che il labro tuo trovo il tuo pianto.

testo da un sonetto di Mariannina Coffa
musica di Carlo Muratori

Povira patria!
Scavazzata dà suverchiaria d’o putiri
Genti ‘nfami nun havi chiù russuri
Tutti patrieterni malantrini
Tuttu arraffanu ‘sti quattru latri di jaddini
Sunu ‘ncatinati supra ‘e purtruna
Inutili puliticanti di strapazzu
Putenti ammatula maniata di buffuna!
‘Sta terra arridduceru a ‘nu disertu
E ‘u cori nun vi scoppia dintra ‘o pettu
Taliannu ddi cristiani strati strati
Senza caluri senza ‘n futuru senza chiù rizzettu??!!
Non cambierà non cambierà
No cambierà forse cambierà
Tutti pazzi ppi ‘n palluni
Tutti ‘ntamati davanti a televisioni
Tutti vucitari tutti chiacchiaruni
E viru la me’ casa affunnari dintra ‘u fancu d’ e maiali
E mi casca ‘a facci ‘n terra mi sentu mali
Taliannu li me soru e li me’ frati
Arriddutti peggiu di l’armali
Non cambierà non cambierà
Si che cambierà vedrai che cambierà
Si può sperare che il mondo torni a quote più normali
Che possa contemplare il cielo e i fiori
Che non si parli più di dittature
Se avremo ancora un pò da vivere
La primavera intanto tarda ad arrivare.

Liberamente tratta dall’omonima canzone di Franco Battiato

Sono le lacrime raggi d’argento
Che dolci consolano i mali del mondo
Non vi sia ombra che possa fermare
Lo splendere bianco del mio lacrimare

E brilli il dolore e brilli il lamento
E brilli la strada e brilli il tormento
Brillino i monti le valli ed il mare
Che scioglie con l’acqua la pietra di sale

Splendente sarò come sole al mattino
La luce negli occhi di un nuovo cammino
Fra tronchi e boscaglie e danze leggere
Partenze ritorni e ardenti preghiere

Sono le lacrime mute parole
Che scendono al cielo cercandolo altrove
Canti di madre pupille di falco
Che cercano l’orma dimentica del solco.

testo e musica di Carlo MURATORI

Devi avere pazienza con me
Come la candela con l’oscurità
Il fuoco con la cenere
Il desiderio con la castità

Devi avere clemenza con me
Come il foglio bianco con l’aridità
Il sandalo di un pellegrino
La pioggia d’oro con la siccità

E vedrai ce la farò puoi crederci
E non ti deluderò puoi credermi

Io ti chiedo sapienza con me
Come ala in volo con la gravità
La luce col miracolo
Ed il silenzio con la dignità

E vedrai ce la farò puoi crederci
E non ti deluderò puoi credermi

Testo e musica di Carlo MURATORI

Oh qua salarina
Ora cinqu n’avemu sei nn’àiu setti sunnu
A-ccu tocca lu sali giovinottu
Ora tocca a tia salarina
E la tò cartedda e ffa dicina
Oh sarrè chi nn’haju unnici
Forza picciotti mei nn’avemu durici
Matri comu firria lu canale
A tò calata quattordici nn’have

Il mare sopra i tetti
Appeso in cima
Come un balcone blu
Una corona

Che le mie stanche mani
Non sanno più sfiorare
Bagnate dal mio pianto
Illuse che sia mare

Ti cercheranno amore
Smarrite nella notte
Carezza del mio cuore
Non ci sei più

Si fussi magu amuri miu
Ju ti faria l’incanti
Nun ci campassi chiù lu sai
‘Ntra tanti peni e scanti

Il mare è un chiodo in gola
Sui tetti al vento
Su stupide lenzuola
Appese ad asciugare

Come bandiere bianche
Incontro al sole
Stendo parole stanche
Arse di sale

Ti chiameranno ancora
Con l’eco del tuo nome
Che annega e riaffiora
Poi non c’è più

Ma tu si maga amuri miu
Nun m’ami e chiù m’incanti
Li tò biddizzi cjatu miu
Mi ficiru tò amanti

Ti persi ‘nti ‘n’Avimmaria
Prijera ‘n funnu ‘o mari
Spertenza sdegnu amuri e gilusia.

testo e musica di Carlo MURATORI

Pani pacenzia e tempu ci voli
E quarchi musca puru ‘ntra lu meli
Stari ccu l’occhi chiusi e nun durmiri
Sentiri junciri i luntanu li pinseri

Virilli luciri a lu scuru comu stiddi
Virilli nasciri comu tanti faiddi
C’abballanu ccu ‘n peri e senza sonu
Macari muti fanu chiù scrusciu di ‘n tronu

Beddu valenti datti versu a sbarazzari
‘U tempu novu cerca largu pp’arrivari
Fatti vacanti e leggiu leggiu a lu prisenti
Ca lu superchiu è assai chjù peggiu d’ ‘o mancanti

La notti longa longa e scura ora passa
Finiu lu tempu si la dissuru la missa
E ora ora sta canciannu la sorti
Ca nun pò fari sai chiù scuru i menzannotti

Gloria gloria a mia
Senza miraculi e senza catenni
Senza cruci e mancu maronni

Senza ‘ncenzu prumisi di oru
E ‘nta ‘stu munnu e prima ca moru
Gloria gloria a tia
A li tò manu la tò vuluntà
A lu curaggiu la tò dignità
A li biddizzi lu suli chi nasci
All’amuri la spiranza ca crisci

E cci hamu a cridiri c’arriva di l’orienti
‘Dda stidda lonca ccu la cuda lucenti
Ca ni fa lustru ‘ntra li passi a lu camminu
E ni cunnuci drittu drittu a lu Bamminu

Lu tempu arriva a ccu ci cridi a cu lu trova
E no a ccu cerca sulu pila dintra l’ova
Ca ci hamu statu troppu tempu carzarati
Scantati dintra a lu prisepiu ‘mbarsamati

E l’occhi lonchi ci vonnu ppi taljari
E aricchi tisi giusti pp’ascutari
Arricanusciri cco cori lu distinu
Pirchì lu saziu nun criri a lu diunu

E quannu spunta poi la luna ammenzu o mari
Matruzza bedda sai mi vogghiu arripusari
Ccu l’occhi ancora abbruscati di lu chiantu
E dintra ‘u cori un gran disju di sintimentu.

testo e musica di Carlo MURATORI

Jancu e finiòsa
Per la strada che porta al mare
Dove l’acqua si stringe
Dove l’onda si fa fermare

Jancu e finiòsa
Verso i campi di acqua e sole
Che la luce dipinge
E gli cambia sempre colore
E ci quaglia d’estate il sale

Jancu e finiòsa
Il tuo corpo di donna al sole
Come polvere d’ambra
Gli occhi chiusi pronti a volare

Jancu e finiòsa
Sopra il bianco che acceca il cuore
Sulle macchine a vento
Sui canali da ripulire
Le caselle da assolare

Finirà questo giorno amore
Questo incanto dell’Isola
Giungerà presto l’illusione
A rubarci l’anima

Scioglierà la montagna di sale
Sulla terra liquida
Macchierà di menzogna e catrame
Questa sabbia candida

Jancu e finiòsa
Senza un attimo per pensare
Se una lacrima brilla
Forse è un sogno non è reale

Jancu e finiòsa
Siamo su un’Isola sotto sale
E quando viene la sera
E quando sente cjaru dò mari
La sua coda torna a nuotare.

testo e musica di Carlo MURATORI

Scurri lu tempu scurri comu ciumi di la chiana
‘N jornu pari lentu ‘n gniornu è ‘na ruina
A li voti è fermu pari addummisciutu
Lu jornu appressu è ‘n foddi pari ‘n cani assicutatu

Conza lu tempu e astuta lu duluri e lu turmentu
A li voti è ‘n focu ca si spanni ccu lu ventu
Tuttu arriduci ‘n cinniri zoccu ‘ncagghia ppi la strata
Tuttu cunsuma e cancia duna morti e duna vita

E ‘na matina rapi l’occhi
E si chiù vecchiu di tò patri
La vita ca si perdi comu l’acqua petri petri
Li sonni sunnu spirdi sunnu orbi e senza luci
Havi chjù di ‘na facci ‘u tempu
Ma sulu un sensu sulu ‘na vuci

Passa lu tempu passa e nenti resta uguali
Sciuscia lu ventu e canciunu i culuri
L’arvuli virdi ora sunnu ligna pp’abbruciari
Tuttu finisci e squagghia comu sali ‘ntra lu mari.

testo e musica di Carlo MURATORI

Mutu mutu mutu
Ccu sapi ‘u jocu
Veni a diri fermu assintumatu
Mancu ‘na musioni
Mancu ‘n ciatu

Mutu mutu mutu
E nun circari aiutu
Veni a diri mancu ‘nu lamentu
‘Nu suspiru ‘nu stranutu

Ti trasi ‘nti ‘ssa testa
C’è cu sta sutta e cu cumanna
C’è cu scatina la timpesta
E nun si vagna e ci varagna

Finemmu di essiri genti
N’arridduceru tutti clienti
S’arrubbaru lu suli s’arrubbaru lu mari
‘U parlamentu li cardinali

Palora ‘n si dici
Pinseri ‘n si fa
Cunsigghiu ‘n si duna

La megghiu fimmina
È la muggheri di me’ cumpà
Mutu mutu mutu
Fermu chiantatu
‘N dari cuntu mai a nuddu
Mancu a tò frati mancu ‘n salutu

Mutu mutu mutu
C’avvampu chiù d’un focu
E ‘nta stu mari unni natava
Ora m’affucu
E ‘nta stu mari unni campava
Ora m’affucu

Cerca ‘i cancjari testa
Circari ‘n postu a posta
Ca nun sì figghiu di duttura
Ca nun sì figghiu ‘i fammacista

Né d’avvucatu né di nutaru
Ca lu travagghiu si lu truvaru
Ancora prima ‘i viniri o munnu
Ancora prima ‘i sapiri ccu sunnu

I lazza de’ scarpi nun si sannu attaccari
Lu nasu cula e nun su sannu sciusciari
Ma su a cavaddu già distinati
Poviri figghi raccumannati

Palora ‘n si dici
Pinseri ‘n si fa
Cunsigghiu ‘n si duna
La megghiu fimmina
È la muggheri di me’ cumpà
Mutu mutu mutu
Fermu chiantatu
‘N dari cuntu mai a nuddu
Mancu a tò soru mancu ‘n salutu

Mutu mutu mutu
C’avvampu chiù d’un focu
E ‘nta stu mari unni natava
Ora m’affucu
E ‘nta stu mari unni campava
Ora m’affucu.

testo e musica di Carlo MURATORI

Nun sacciu comu nun mi vota a testa
Pinsannu a lu prisenti e a lu passatu
Viru tanti pirsuni fari festa
Viru tant’autri ch’hannu lu filatu
Viru lu mari ca sempri è ‘n timpesta
Viru pirsuni ca mutanu statu
Viru a me stissu e pari ‘n casu stranu
Nascii ‘n Sicilia e sugnu ‘talianu

Dicitamillu vui com’è ‘stu munnu
E comu ‘nta ‘n mumentu vota e sbota
Cu sta supracqua è tutt’anzemi a funnu
E ccu sta ‘n funnu acchiana n’autra vota
Chiddi ca eranu primi ora chi sunnu
E ora lu schifiu fa tirrimota
Li chiù tinti cumannanu ‘sti jorna
Ppi mia si puonnu rumpiri li corna

Dunca a ‘stu munnu nun c’è chiù chi fari
Semu ‘n menzu di tanti tradituri
Nun si sapi di cu ci si pò vardari
Nun c’è amici nun c’è firi nun c’è onuri
Ognunu pensa comu pò arrubbari
Si persi di la facci lu russuri
É veru ca ora c’è la fratillanza
Ma Cristu santu la miseria avanza.

testo tradizionale di anonimo
da Risorgimento e società nei canti popolari siciliani di A Uccello
musica di Carlo Muratori

Solo poche parole, signor Presidente, per non togliere altro tempo alla commissione.
Noi abbiamo avuto un giudizio ex abrupto nell'anno 1860, quando in Sicilia non ci sono più i Vicerè, ma Giuseppe Garibaldi, in nome della libertà.
Quale che possa essere la vostra sentenza, non è un onore per voi, uomini della nuova Sicilia, della nuova Italia, averci giudicati come ai tempi dei Vicerè.
Dentro la grande ingiustizia, l'ingiustizia storica che si consuma contro questo popolo, c'è quest'altra particolare ingiustizia che si commette contro di noi. Come avvocato ne sono indignato!
Come uomo, che ha combattuto per gli stessi ideali in nome dei quali voi credete di poterci giudicare, ne sono schiantato. E tuttavia vi dico che io credo in questa Italia, credo in questo popolo.

Dal film Bronte: cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato di Florestano Vancini, voce di Ivo Garrani: parte del discorso pronunciato da Nicolò Lombardo (Bronte 1812 - 1860) prima di essere fucilato

Sunannu la campana
E satunu i cappeddi
Ccu i petri di la chiana

Di petri li palori
Di ‘ntagghiu e di timpuna
"Vulemu libbirtà
Nun semu di cartuna

Nuatri semu cristiani
E no fumeri e fancu
La terra è di li genti
Di cu ci jetta sancu"

Chi aspetti Nicò
S’un pugnu di surdati
Nun sentunu raggiuni
Nun hannu pietati

Ci cridi Nicò
‘Nto chianu di san Vitu
A Nunziu lu pigghiaru
Comu ‘nu gran banditu

Nunziu è n’angiuleddu
Nun c’è chiù riligiuni
Cascau di lu celu
Ccu l’ali di cartuni

E la Sicilia è ‘n festa
C’havi chiù di tri misi
"Semu tutti taliani
Ma a Brunti semu ‘ngrisi”

A Brunti nun c’è liggi
Ppi santi e tradituri
S’ambrogghiunu li carti:
Cu persi è vincituri

E ccu vincii t’ammazza
E scava la tò fossa
Ci chianta ‘na bannera
Ca è virdi janca e russa

Russa comu a cammisa
D’un jurici surdatu
Dicia: “Viva l’Italia”
Doppu ca n’ammazzatu

Chi vidi Nicò
‘Na cruci pinitenti
‘Ssa cruci è comu specchiu
Distinu di ‘nnuccenti

E’ austu Nicò
É austu e pari ‘mmernu
Ppi ‘na morti gluriusa
E’ propriu ‘nu gran jornu.

testo e musica di Carlo MURATORI

Vinni cu vinni e c’è lu triculuri
Vinniru milli famusi guirreri
Vinni Anibardo lu libbiraturi
‘Nta lu sò cori paura nun teni

Ora si ca finiu Ciccu Burbuni
La terra si cci apriu sutta a li pedi
Fu ppri chist’omu ccu la fataciumi
Ca la Sicilia fu libbira arreri

Ch’è beddu Anibardo ca mi pari
San Michiluzzu Arcangilu daveru
La Sicilia la vinni a libbirari
A vinnicari a chiddi ca mureru

Ch’è beddu Anibardo ca mi pari
San Michiluzzu Arcangilu daveru
Quannu talìa Gesù Cristu pari
Quannu cumanna ‘n Carlu Magnu veru

Ciuri di linu
Guarda l’amuri miu quant’è baggianu
Russu vistutu di garibaldinu
Ciuri di cucuzza
E ora l’amuri miu sgerru mi passa
Cu la cuccarda e la cammisa russa.

testo tradizionale di anonimo da Risorgimento e società nei canti popolari siciliani di A. Uccello
musica di Carlo Muratori

Sopra un lago di legno di braccia e di eroi
Nella tela intrecciata da un ragno
Verso il flebile sogno che sognai
Ad attendere l’alba del giorno

Chiudo le nuvole dentro il tabacco
A grandi boccate di sale
Danza Cibele passo di miele
Libera l’ape regina

Libera il velo lo specchio il mantello
Sangue vermiglio di melograno
Scuoti i tuoi fianchi
I tuoi seni bianchi
E ora

Spacca il mare
Come fertile valle
Senza reti e barriere
Che non debba annegare mai
Nessuno mai nessuno

Apri il mare
Che io possa passare
Camminare
Che non debba morire mai
Nessuno mai nessuno

Spingo le braccia a bagnare anche il cielo
Brillan di occhi le stelle
Danza Demetra passo di pietra
Libera la tua corona

Libera il manto le ali il pennello
Nero dipingi di fumo
Va verso il sole
Consola il dolore
E vola

testo e musica di Carlo MURATORI



Torna alla discografia

PROSSIMI EVENTI

Nessun concerto inserito

Consulta tutte le date