ALBUM PLICA POLONICA DI CARLO MURATORI
 
 

Plica Polonica

Disponibile su Google Play Music Disponibile su Spotify

Plica polonica

Presentazione »

PPI TIA STASIRA leggi testo

L’INCANTATRICE leggi testo

KUJETA LA MENTI leggi testo

FRAMMENTO PRIMO

FINA CA CCI SEMU leggi testo

SAMMASTIANU leggi testo

SUTTA LI TO FINESTRI
(FRAMMENTO SECONDO) - LIVE leggi testo

FIMMINA leggi testo

TURI NUN PARRÓ leggi testo

ROSAMARIA leggi testo

<< Nel nuovo disco Carlo Muratori sperimenta il connubio tra lingua, dialetto e Musica.
Muratori ci ha regalato una combinazione originale e una selezione attenta di elementi musicali e testuali che fanno del suo ultimo disco La padrona del giardino una delle esperienze più interessanti degli ultimi anni nel campo della musica di ispirazione popolare >>.

Daniele Cestellini su ERA 2000 on line




A mio padre… [ continuo](…) In Noto non si crede a tutte queste fandonie; si crede, invece, sul serio alle Ronni di casa (Donne-di-casa). Son queste degli spiriti che abitano invisibili sotto ogni tetto che faccia fumo. Ogni casa abitata ha le sue. Guai a chi abbia la sventura di cadere nella loro disgrazia! Gli è giuoco forza sgombrare; ché quelle, vendicative come sono, mettono sossopra la casa, rovinandone le sostanze con malattie lunghe, cattivi ricolti e infedeltà di marito. Le Donne-di-casa sfogano specialmente la loro rabbia sui bambini : li spaventano nel sonno. Li fan piangere;e spesso, quandofa d’uopo nominarle, lo si fa, balbettando sotto voce, o con perifrasi . A certi bambini che han la fortuna d’incontrare nel loro genio, fan visita nel sonno, li divertono e li fan ridere. Quando poi vogliono lasciare un segno della loro benevolenza, scherzano coi biondi capelli del bambinello e ne fanno una treccia inestricabile (plica polonica).Quella treccia non bisogna tagliarla. Le Donne-di-casa se l’avrebbero per male, e potrebbero mostrare il loro risentimento, colpendo l’innocente bambino : gli farebbero venire lo strabismo, e gli farebbero torcere il collo e la schiena.

(C. Avolio - Canti popolari di Noto 1875)

Sutta li to’ finestri sonu e cantu,
e sempri iu cantu canzuni `ccillenti.

Sti to’ labbruzza filici e fistanti,
chiù beddi di lu suli risplinnenti.

Aviti la vuccuzza d`un diamanti,
di petri priziusi li tò denti.

`N aviti gilusia si n`amu tanti,
ch’ a tia sula pritennu veramenti

Frammento m. 44 del Corpus di Musiche Popolari Siciliane di Alberto Favara

Elaborazione musicale di Carlo MURATORI

Matri Santa, Matri
beddafammi jiunciri a la sira:
“Ca vinemu di luntanu,
Primu Diu e poi Sammastianu!” (*)
Ferru e focu a li putenti
malacarni e sbriugnati
ruina di la terra e di li genti
‘mbrogghia populu e briganti.
Ferru e focu a li dinari
diavuli ccu ‘i corna tisi
c’è cu nasci riccu e ccu ha sudari
cu pinia ca mancu po’ manciari.
Matri Santa.........
E nun m’importa chiù di nenti
e viri di canciari strata
Ma chi dici, ma chi cunti
tagghila ca sulu tu ti senti
Mi dicivi chi canciava
si chianava chiddu onestu
aspittannu aspittannu
stamu jennu tutti o’ funnu
Matri Santa.........
E figghi di ‘na gran ….signura
fannu u’ jiocu de’ tri carti
lesti a ura di tirari
Di’ nni scanzi quannu ha ‘viri.
‘N jiornu pensu ca mi finciu pazzu
e li mettu tutti a munzeddu
e lu sprogghiu iu stu lizzu
a cura a cu mi rumpi u …lazzu.
Matri Santa........

Testo e Musica di Carlo MURATORI

Lu senti stu focu vugghienti c’abbrucia, cunsuma?!
Lu ciatu, lu senti ca jinchi la menti?!
Rispiru di tuttu, lu senti?!

Di acqua di funti, di petra d’ ‘e munti, di ciuri…
Si fatta di tuttu, di tuttu e di nenti.
Passatu luntanu e prisenti.

E canta forti, ca la to’ vuci servi.
Mi servi a mia, tuttu ‘u tempu ca cci semu.
Lestu lu passu ca è musica d’abballu.
Balla ccu mia, tuttu ‘u tempu ca cci semu.

“Pirchi’ cci semu fina ca cci semu,
E poi nun ci semu chiù.”

Se chiami la vita, la vita ti senti, t’ascuta.
E se parri forti chiù megghiu ti senti.
Ti cerca se nun senti nenti.

Tra fari e nun fari pinsari ti percia la menti.
E cunta li cunti ca fannu ricriari li genti,
li mali paroli ammorbunu tutti li menti.

Testo e Musica di Carlo MURATORI

Fermu attentu. Rispiru lentu.
Tempu a lu tempu, tempu a lu tempu.
Cocciu du luci, vampa lucenti,
Kujeta la menti, Kujeta la menti.
Sorti, svintura, suli, scurura,
sira, matina, notti nun dura.
Cjiatu di l’arma, fimmina, amanti,
matri, signora forti, putenti,
Kujeta la menti, Kujeta la menti.

Testo e Musica di Carlo MURATORI

Frazeo meu ton eroq/oqen
iketo potna Selana

Nuda l’ho vista dentro la menzogna nuda,
addosso solo odore d’alga e di fondali.

Nuda l’ho vista dentro la menzogna nuda,
il passo di gatta selvaggia,
sul ciglio del mio corpo senza tempo.

Dimmillu tu Luna
D’unni mi vinni ‘stu pazzu amuri.

Balla l’incantatrice e ruba l’ombra sopra il muro,
e scuote nacchere che spengono l’arsura.

Canta l’incantatrice in questa notte di mattanza,
stella grande in cielo, notte di pietà e di furore

Dimmillu tu Luna
D’unni mi vinni ‘stu pazzu amuri.

Testo di Silvana GRASSO
Musica di Carlo MURATORI

Mater dulcissima,
vuci ca luntana pari.
qual’è la casa d’angolo
che il tuo cuore abita?
Che il tuo cuore abita?

La vedo,
ma di fatto non l’afferro,
con le mani, le mie mani,
con le mani, con le mani.

Lassai la finestra aperta ppi tia, stasira.
Si passi di cca ti nn’adduni e forsi ti fermi.
Ciarmu e cjatu di l’arma mè
Muta senza parola, muta,
comu ‘na sicca funtana,
la mia stanza soffoca
è un carcere senz’ aria.
È un carcere senz’ aria.

Ti cercu,
ora ca lu tempu vinni
di l’amuri, nun tardari,
miu amuri, nun tardari.

Lassai la finestra aperta ppi tia stasira
si passi di cca ti nn’adduni e forsi ti fermi.

Testo e Musica di Carlo MURATORI

Turi nun parrò, si fici ancora ‘i fatti so’.
Turi è chiù contenti, si talia e nun dici nenti.

Quannu visti veniri ‘i matina di lu mari,
navi chi purtavanu gintazzi furasteri,
quannu ‘i visti fari e strafari ccu putiri,
quannu s` addunò ch` eranu i sò duminaturi.
Turi nun parrò si fici ancora ‘i fatti so’
Turi è chiu cuntenti si talia e nun dici nenti.
Quannu si stuffò di chianciri `nto cavalieri,
ppi putiri aviri `n postu unni travagghiari,
quannu `ntisi ‘i figghi `n pezzi ‘i paniaddumanari,
quannu supra a ‘na navi iddu
fu prontu pp`emigrari.

Turi nun parrò si fici ancora ‘i fatti sò
Turi è chiu cuntenti si talia e nun dici nenti.

Quannu ancora oggi ccu cuvernu e ccu li liggi,
si vidi arrubbari la so’ aria e lu so’ mari;
quannu comu a li funci spuntaru centu cimineri,
e ccu tuttu chissu iddu nun potti travagghiari.

Turi nun parrò si fici ancora ‘i fatti so’
Turi è chiu cuntenti si talia e nun dici nenti.
Turi nun parrò si fici ancora ‘i fatti so’
Turi nun parrò e si fa ancora i cazzi so’.
Turi nun parrò si fici ancora i fatti so’
Turi nun parrò e si fa sempri i cazzi so’.

Testo e Musica di Carlo MURATORI

Fimmina fimmina,
‘n patri bestemmia e chianci,
si nasci
fimmina fimmina,
puru li pugna strinci.
La rabbia è fimmina fimmina,
minnitta e malincunia
fimmina è ‘a nustalgia
e fimmina tu.
Brucia sul monte l’edera,
L’edera per la tua fronte.
Per i tuoi bianchi fianchi,
Bianchi come colombe.
L’edera per il tuo petto,
Doppio come il destino,
Nudo come la sorte
Forte come la morte.
Fimmina fimmina
‘n patri bestemmia e chianci
(ecc.)

Testo di Silvana GRASSO e Carlo MURATORI
Musica di Carlo MURATORI

Conosco il mondo,
Ne è piena l’aria.
So cos’è il tormento,
La gioia, l’ingiuria,
Gloria e miseria.

So stare controvento,
E ho buona memoria.

Mi muovo bene a tempo,
Conosco la storia,
Gli eccessi e le necessità.

E gioco col mio accento
Che sembra musica,
Che pare un canto,
Una preghiera,
Rosario d’incanto
Uno per sera.

Figghiu beddu ti voli la mamma
C’un cucciteddu di cucula tunna.(…)
Sutta un pedi di rosamarina
Cca cc’è Gesuzzu chi chianta e simina.(…)
Figghiu beddu chi havi ca chianci
La naca voli menzu l’aranci.(…)

E’ greco il mio lamento,
Preziosa la scrittura,
Antico il mio andamento,
Tra orgoglio e paura.
Perenne smarrimento
Dell’anima.

O si po’ o non si po’ lu cappidduzzu ppi San Calò
E la raggia di cu nun bboli ci havi a viniri un anticori
E ad onta iè l’am’a ffari
Pi la raggiazza di me cummari.
Sutta un pedi di rosamarina
Cca cc’è Gesuzzu chi chianta e simina.

Testo di Gianpiero MAZZONE
Musica di Carlo MURATORI



Torna alla discografia

PROSSIMI EVENTI

Nessun concerto inserito

Consulta tutte le date